Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.

Presentazione

     

     

     Il PNSD nella nostra scuola


     

    Il PNSD deve intendersi come un’azione culturale, che parte da un’idea rinnovata di scuola, intesa come spazio aperto per l’apprendimento e non unicamente luogo fisico e come piattaforma che metta gli studenti nelle condizioni di sviluppare le competenze per la vita.

    L’educazione nell’era digitale non deve porre al centro la tecnologia, ma i nuovi modelli di interazione didattica che la utilizzano.

     

    Si riporta di seguito la ripartizione degli obiettivi per il prossimo triennio.

     

    Il PNSD nella nostra scuola per l’anno scolastico 2018-2019

    Tale azione culturale verrà attuata nel corso di questo anno scolastico attraverso:

    • La formazione di base e avanzata, on site e on line, sull’utilizzo del sistema operativo e degli applicativi essenziali per utilizzare e gestire, in modo autonomo, il pc.
    • La formazione dei docenti, on site e on line, sulle potenzialità e sull’utilizzo delle funzionalità di Google Education.
    • La creazione di soluzioni tecnologico-innovative da diffondere a tutti gli attori della comunità scolastica; docenti, personale ata, alunni e genitori finalizzate alla comunicazione scuola-famiglia ed alla dematerializzazione. Verranno implementate altre funzionalità del registro elettronico e del sito istituzionale della scuola.

     

    Il PNSD nella nostra scuola per l’anno scolastico 2019-2020

    • La formazione, on site e on line, rivolta ai docenti su piattaforme didattiche online ad esempio Edmodo, Quizlet ed altre.
    • La formazione, on site e on line, rivolta agli alunni della scuola secondaria di primo grado, su applicativi online utilizzati dai docenti nella didattica.

    Passare dalla didattica unicamente “trasmissiva” ad una didattica attiva, promuovendo ambienti digitali flessibili attraverso:

    • Spazi Alternativi per l’apprendimento, più grandi delle aule con arredi e tecnologie per la fruizione individuale e collettiva che permettono la rimodulazione continua degli spazi in coerenza con l’attività didattica prescelta; in grado di accogliere attività diversificate, per più classi, o gruppi classe (verticali, aperti, etc..) piccoli gruppi, ecc.; spazi che, date queste caratteristiche, possono essere finalizzati anche alla formazione dei docenti interna alla scuola o sul territorio.
    • Laboratori Mobili, dispositivi e strumenti mobili in carrelli e box mobili a disposizione di tutta la scuola (per varie discipline, esperienze laboratoriali, scientifiche, umanistiche, linguistiche, digitali e non), in grado di trasformare un’aula tradizionale in uno spazio multimediale che può accelerare l’interazione tra persone.
    • Inserire il pensiero computazionale ed istituire il laboratorio di coding per gli alunni delle classi 4^ e 5^ della scuola primaria.

     

    ll PNSD nella nostra scuola per l’anno scolastico 2020-2021

    • Documentare in digitale nella scuola primaria ed anche nella scuola dell’infanzia. Questo potrà essere fatto con la produzione di note scritte, tabelle di osservazione, diari e altre for­me descrittive, ma anche attraverso regi­strazioni, fotografie e video con l’utilizzo della LIM in classe o negli ambienti di apprendimento multimediali. Tutti questi documenti offrono una testi­monianza condivisibile dei processi di apprendimento dei bambini senza esclu­dere gli aspetti emotivi e di relazione.
    • Istituire il laboratorio di coding per gli alunni delle classi prime e seconde della scuola secondaria di primo grado attraverso l’utilizzo di applicativi quali Scratch e App Inventor o simili.
    • Sensibilizzare e proporre agli alunni della scuola secondaria di primo grado il conseguimento dell’ECDL Base attraverso corsi di preparazione nella nostra scuola.
    • Predisposizione di un portfolio personale digitale “verticale” che raccolga i documenti digitali più significativi prodotti in tutto il curriculum scolastico dalla scuola dell’infanzia sino all’Esame di Stato della Scuola Secondaria di Primo Grado.